Logo di Bormio
Bormio, 19/10/2018

 

“Francolino di Monte - Bonasa bonasia „



Il francolino di monte e' il più piccolo tetraonide delle alpi , non supera infatti i 450 grammi di peso.

Dimorfismo sessuale relativamente evidente:
femmina dal piumaggio screziato sui toni marroni più o meno chiari,
maschio di taglia leggermente superiore ,con ampio sottogola nero bordato di bianco e piumaggio dal marrone castagna al grigio scuro con frequenti striature più chiare ed appariscenti.
Il maschio possiede anche una piccola cresta di penne erettili mostrata soprattutto durante i corteggiamenti nuziali.

Vive nelle foreste di conifere e latifogli in particolare se intervallate da radure con un ricco sottobosco di rododendri e bacche selvatiche.
La quota preferita è compresa tra i 1500 e i 1900 metri , raramente raggiunge il limite della vegetazione.
Nel Parco solo la Valfurva, la Valdisotto e le montagne che dominano Sondalo gli offrono un habitat idoneo, altrove la sua presenza è occasionale.
Molto difficile poterlo osservare date le sue abitudini schive e i sensi finissimi che lo portano rapidamente a celarsi o a fuggire.

Tra i Tetraonidi è senza dubbio la specie più arboricola, trascorrendo buona parte della giornata sui rami più bassi degli alberi.
Questa strategia gli consente spesso di sfuggire all’occhio dei suoi numerosi predatori, volpe, mustelidi e rapaci in primis.

Come la pernice bianca e la coturnice è un uccello monogamo, le coppie si formano durante l’inverno e all’arrivo della primavera sono già insediate nei luoghi di riproduzione.
Il maschio è molto territoriale e può intraprendere anche violenti scontri per difendere la propria femmina e il proprio dominio da un eventuale rivale.
Durante la giornata, ma soprattutto all’alba segnala la sua presenza con numerosi richiami simili a deboli e malinconici fischi .

La femmina verso la metà di maggio depone le uova , da 5 a 10, in una semplice buca sul terreno rivestita da piume e fogliame e posta al riparo di un tronco caduto o di un giovane albero.
La cova dura 23/24 giorni e i pulcini al momento della schiusa abbandonano il nido e seguono la madre alla ricerca di cibo e riparo.
La loro dieta nei primi giorni di vita è composta da insetti e larve , saranno in seguito sostituiti da bacche, frutti e germogli.

Classificazione scientifica

  • Regno: Animalia
  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves (Uccelli)
  • Ordine: Galliformes (Galliformi)
  • Famiglia: Tetraonidae (Tetraonidi)
  • Genere: Bonasa
  • Specie: B.bonasia
  • Sottospecie: B.b.rupestris


La fauna presente nel Parco dello Stelvio:

Schede a cura di Andrea Roverselli, foto di Nicola Bormolini