Logo di Bormio
Bormio, 24/10/2017

 

“ Carnevale a Bormio con il Podesta' di Mat „

L’antichissima tradizione del Carnevale dei Matti di Bormio risale alla fine del 400 e venne mantenuta fino al 1766, anno in cui venne abolita da un decreto delle Tre Leghe. Si celebrava la domenica che cade cinquanta giorni prima di pasqua e durava per una settimana intera.

Carneval di Mat Carneval di Mat Carneval di Mat 

In quel periodo, la cosiddetta Compagnia dei Matti, costituita da giovani del paese, individuava quello che sarebbe stato incoronato Podestà dei Mat regnando sul Contado spodestando le vere autorità.

Colui che veniva prescelto non poteva rifiutare l’incarico ricevuto e veniva portato su di una portantina per le vie del paese fino ad arrivare al Palazzo residenza del Podestà vero e proprio.

Qui il nuovo reggente veniva incoronato e assumeva la reggenza del paese emanando leggi e decreti.

La festa era connotata da un forte spirito goliardico e era spesso l’occasione per raccontare pubblicamente in piazza gli avvenimenti capitati nel corso dell’anno schernendo i malcapitati protagonisti.

Tutta la settimana trascorreva all’insegna del mangiare e del bere e al venerdì la Compagnia dei Matti passava in tutte le case esigendo un offerta per poi l’indomani organizzare in piazza la Polenta dei poveri che rappresentava l’atto finale della festa.

Questa tradizione è stata recentemente ripresa e si celebra ancor oggi nello spirito del tempo.

E’ l’ arlecchino capo che presiede la cerimonia, coadiuvato dai suoi aiutanti e dalla caratteristica figura del Dottore. Tutti i personaggi, oltre ad indossare un caratteristico vestito ottenuto dalla cucitura di stracci, portano una vecchia maschera di cuoio sul viso a celarne l’identità.

Simbolicamente il Podestà dei Mat prende il posto del Sindaco del paese per un giorno e l’arlecchino capo, al centro della piazza, legge le lamentele che i cittadini depositano durante l’anno in un apposita cassetta sita in un angolo della piazza stessa.



Le tradizioni nel Bormiese :