Logo di Bormio
Bormio, 21/8/2017

 

“ Chiesa Collegiata o Parrocchiale di Bormio „

Santi Gervasio e Protasio

La Collegiata è la chiesa principale di Bormio ed è dedicata ai Santi Gervasio e Protasio, figli gemelli di San Vitale e Santa Valeria, protettori del paese.

Fotografia della Chiesa Collegiata - Parrocchiale di Bormio

La chiesa, di origine mediovale, è antichissima e risale all’824. Subì gravi danneggiamenti ad opera dei Grigioni nel 1620 e, l’anno successivo, venne completamente distrutta dagli spagnoli. Ricostruita a partire dal 1626, i lavori vennero ultimati solamente nel 1641, anno in cui assunse l’attuale conformazione.

All’interno è conservato un tempietto in legno risalente al 1648 e attribuito a Giovanni Tedesco che sormonta la Fonte Battesimale che si trova sulla sinistra appena entrati.

Da un punto di vista architettonico è composta da una sola navata su cui si innestano 8 cappelle laterali. La facciata è a timpano ed è arricchita da un portale in pietra verde di Campello e da 2 nicchie ove sono posizionate le statue dei Santi cui è dedicata.

A sinistra dell’altare è custodito un organo seicentesco, impreziosito da numerose cariatidi e sotto il quale è posizionata la “cappella del S.Sepolcro” in cui sono riposte le sette statue della Passione, realizzate nel 1647 da G.P. della Rocca.

Sopra l’altare maggiore si può ammirare un imponente tabernacolo, in stile barocco, intagliato nel legno.

I finestroni decorati nell’abside sono stati realizzati da Dorico Alberto nel XVII secolo. Lungo le pareti sono collocate e si possono ammirare le 12 tavole lignee che rappresentano la via crucis. Le cornici sono opera dei bormini Pozzi e Bradanini, i dipinti sono di Losia (1925).

Il campanile

Il campanile è stato oggetto di un completo restauro nel 1927, dopo essere già stato rifatto nel 1551.

Cappelle di sinistra:

Fonte Battesimale chiusa da una cancellata in ferro battuto, cappella intitolata ai morti della Confraternita dei Disciplini, cappella dei nobili Alberti (il loro stemma è ancora ben visibile) e cappella dell’Assunta (affrescata dal Gavazzeni)

Cappelle di destra:

Altare di San Giovanni Nepomuceno (la pala sopra l’altare è opera del Torricelli che completò il lavoro iniziato dal Ligari), cappella dei Quadrio e cappella degli Imeldi.



I monumenti di Bormio :

Le chiese di Bormio :

Cenni storici :

Immagini webcam :